L’ eros ed il tacere….

Si è abili ad essere o mostrare, si è meno bravi a saper capire come il connubio chiamato piacere sia riservato ed unico.

Stamane ascoltando un dibattito sull’eros, mi ha colpito di quanto sia intenso il piacere dell’erotismo per goderne di sensazioni proprie, pet renderle uniche in quei silenzi che si compongono nella notte, piuttosto che in quel tempo proprio ed unico che solo con chi ami puoi creare.

Il tacersi di tale beltà significa anche un po percepirne l’essenza, quella bellissima forma sfaccettata di un emozione ogni volta unica che man mano nel tempo e con l’esperienza mi fa render conto di quanto sia importante saper tacere, senza mai raccontare o raccontarsi cosa si prova o si vive, anche in termine di sfogo di quel tempo così vivo che per ognuno ha significati diversi….

Tacere in questo caso, significa preservare, sapersi ascoltare per crescere dentro, in quell’intetiore forma chiamata emozione dove tutto diviene traccia futura per ascoltare meglio se stessi e far tesoro di ogni passato per far si che il futuro sia comunque curiosa scoperta!

Advertisements

……lo scriversi……

Che poi lo scrivere è stato un qualcosa di naturale che in parte mi aiuta a parlare a me stesso, e chissà, inconsapevolmente trasmetto qualcosa su cui amici o conoscenti dibattono,ridono, si chiedono, e magari ancor meglio riflettono!

È un po’ che non scrivevo un articolo, forse condizionato da tante cose o da uno strano ciclo che ho attraversato, questo ha portato stanchezza e per altri versi avevo svuotato la mia energia dedicandomi ha qualcosa di effimero…..come si fa con un errore che a volte può essere una “persona” scambiata per gente! Ora che lentamente rigenero il mio essere e cerco quella naturale forza che mi appartiene da sempre, lustro la mia sensibilità e arricchisco il mio spirito con un altra esperienza che la vita insegna.

Impari che le scelte sono sempre aiutate da te stesso, ed a volte il tempo serve solo ad avere conferme, la vita con fare traumatico poi ti da quella certezza e consapevolezza che già conoscevi, non sempre questo è facile da accettare o vivere, ma poi con lucida pazienza ti accorgi che niente è un caso, e se spesso nei nostri cammini incontriamo gente che sa travestirsi da persone è tutto normale ed in fondo L’ errore è solo il nostro ad aver confuso le due cose. Nostro perché in determinati cicli temporali siamo più fragili, o magari siamo semplicemente arrivati in vite altrui per dare e non ricevere, che poi dovrebbe essere una regola di vita, ma sempre più spesso ormai non funziona così!

Ho scoperto ancor di più nello scrivere quanto forza può avere una parola o un concetto che ti permette di capire tante cose, che gli occhi di una persona non sanno dire, ho capito che in fondo oggi è più semplice un msg che una voce che abbia il coraggio di dire, ho interpretato che ciò che si scrive non può essere contraddittorio come si usa fare per giustificarci in una conversazione o confronto! Forse per questo amo scrivermi e magari scrivere, a volte per dedicare, altre per parlare di vita, ed altre volte semplicemente per esprimere!

Scrivermi per guardarmi e guadare, per far sì che ogni istante sia raccontato anche con una parola che semplicemente sa esprimere!

Deludersi…..

…..non è sempre facile acquisire quella consapevolezza che conosci da sempre, verso chi comunque hai scelto facesse parte di un lembo della tua vita.

Scegli di farlo tra sincero compromesso con Te stesso e con chi come chiunque esso sia, mentre sente la fragile paura di non volerti perdere, o magari più semplicemente, lasciarti andare…perché sa che in fondo hai di Lei la sana e costruttiva determinazione di desiderarla ancora.

La “vita”….colei che espressa, è raffigurata in un emozione, un ciclo, o più semplicemente un periodo fatto da strada insieme, ti sembra quasi inconcepibile che tutto possa essere perso, per banale curiosità verso chi di curioso non ha nulla se non che piccoli trofei da collezionare per la propria fragile insicurezza!

Non è facile, e ne si può giudicare se non si entra in certe dinamiche che parlano al cuore delle persone e non solo hai caratteri o alla leggerezza, e di come a volte si ferisce senza saperlo, solo per soddisfare egoismi fatti da ego!…..ora inizia il tempo di crescere ancora, tra dispiaceri o delusioni, o magari tra strane congetture fatte realtà,confermate proprio da chi come Te è fatto in questo strano modo per sentirsi più vivo del solito, e magari senza saperlo si va a ferire l’anima e lo spirito di altri, solo per strane insicurezze che cercano conferme in altri che camaleonticamente vogliono solo raggiungere propri scopi!

Il tempo usa fare sempre il suo corso, spero sia veloce da assorbire, perché la stanchezza amplifica i dispiaceri, e per quanto a volte si è avvezzi alla vita, si è anche stanchi, ma non ci si arrende a quello che è…..infatti resto e diverrò più di quello che sono, nel bene e nel male…per continuare a conoscere e scoprirmi anche grazie a chi….sceglie per me!

L’ ombra….

I mille o più modi di interpretare più che leggere questa parola “l’ombra”….colei che sa farci compagnia, a volte come uno specchio, altre come una forma che sa mutare a secondo della luce che ci riflette, spesso la sua identità non rispecchia solo la luce esteriore ma anche quella interiore.

Il suo pronunciare piuttosto che nominare può sembrare inquietante ma con Lei conviverci è la regola,anche perché è la migliore forma di compagnia per se stessi, a volte ci guarda curiosa quasi a volerci chiedere “perché mai in giornate così non fai altro che cercarmi?”

Guardarla spesso è sinonimo di riflessione o magari di gioco, da bambino amavo deformarla spostandomi di luce in luce per creare forme con oggetti quasi a sembrare un fumetto….quante giuste cose sa fare un ombra per renderci traccia e farci vedere cose che in tanti casi non sappiamo guardare!

Le attente forme del tempo….

tracce_2.jpg

Esistono e son belle da osservare, loro si vestono di nuovo ogni volta che ti accorgi di loro, sono fanatiche come una donna che sa di essere completa nella sua bellezza ed hanno l’ odore di beltà, in ognuno risiede quel limbo che raramente sappiamo osservare. Non si nascondono ma spesso restano impercettibili, perché in fondo saperle guardare sta a noi, e quando scegliamo di farlo diventiamo attenti a questi istanti cosi innovativi, fatti da sensazioni da ascoltare nella loro forma migliore, quella del tempo irrazionale dove ogni attimo non è quantificato ma ascoltato, dove ogni istante non ha misura ma forma, dove il percorrere minuti è costruire sensazioni che piano piano divengono emozioni e tutto questo lo si fa semplicemente con delle “attenzioni” per noi stessi in un tempo solo nostro, dove il dialogo tra spirito ed anima rende forma a quella personalità di ognuno che lasciando traccia di giorno in giorno  crea quell’ aurea di energia unica per ognuno per trasmettere a questa magnifica storia chiamata ” vita” quello che più ci piace per far si che Lei possa sempre restare innamorata di Noi!

Come battiti del tempo…..

Ascoltando musica e identificando un piano, leggo quei piccoli battiti di martelletti su delle corde che scandiscono armonia, il tutto si accompagna a leggere corde di violino che accarezzate con sapiente maestria emanano suoni leggeri che armoniosamente scandiscono sensazioni più che tempo razionale, dove la mente rilassata viaggia in quei pensieri solo propri, e che si uniscono a quelle dimensioni cosi innovative dove ogni volta posso ascoltar(mi)e e ritrovare alcune cose che appartengono ad ogni tempo, dove ritrovo quegli equilibri che a volte uso perdere tra eventi o situazioni e come poi di solito accade, mi basta poco per rientrare in maniera anche un pò nuova in quel che in fondo mi piace avere…legami a situazioni, storie, cose…o persone e ascoltando qualcosa di cosi leggero, ma intenso…trovo “battiti” fatti da tempo ma che in fondo identificano “vita”.

Scoperte fatte nel tempo….

Equilibrio

Esiste ed accade, è come essere e non divenire, è un modo di vita  piuttosto che uno stile, avere delle prospettive o punti di vista per far si che donare sia una realtà e non una forzatura piuttosto che una costrizione, sarà e diverrà comunque scoperta ogni volta.

Spesso mi colpiscono delle sane osservazioni di chi fa dell’ anima e dello spirito una filosofia astratta dove tutto sembra scontato, dove ogni cosa che inizia debba avere una fine. Personalmente sono abituato a vedere le cose diversamente….forse si, le cose che iniziano come le persone sono dei cicli che sanno evolversi e dove c’è interesse o desiderio non finiscono, cambiano si trasformano e la bella e grande percezione è il capirlo per far si che il completamento di se stessi sia fonte di intensa crescita….ecco questo amo ogni volta guardare e scoprire in qualsiasi tempo che come ben si sa, non è mai uguale , ogni giornata ha la possibilità di essere un nuovo inizio ed in parte una nuova vita, dove la scoperta stessa di alcuni minuti posso diventare curiosa esperienza!

La prima grande scoperta deriva dall’ essere curiosi di se stessi ed imparare da tutto quello che ci accade intorno, con quella consapevolezza umile che  sarà sempre qualcosa in più per completarci….e ogni persona che incontriamo è un sano motivo per questo!